lunedì 30 novembre 2009

ruchiesta d'incontro

R.S.U.
MAFLOW in As
Man Servizi S.r.L.



Direzione
Maflow S.p.A
e Man Servizi S.r.L.

Spett.li Commissari Straordinari
Avv. Stefano Coen
Avv. Francesco Pensato
Avv. Vincenzo Sanasi D’Arpe


P.C. I Lavoratori della Maflow e Man


Oggetto: Richiesta d’incontro

Le Lavoratrici e i Lavoratori sono fortemente preoccupati per l’attuale situazione aziendale e per il futuro dello stabilimento di Trezzano Sul Naviglio.
Nel mese di novembre la BMW ha sospeso la maggior parte delle commesse produttive, costringendo le maestranze ad effettuare lunghi periodi di cassa integrazione.
I Lavoratori nelle ultime settimane hanno cercato di coinvolgere la BMW nella crisi della Maflow, manifestando la propria condizione davanti al consolato tedesco, e successivamente davanti la sede della BMW Italia.
In entrambe le occasioni una delegazione ha incontrato il Console Tedesco, e il Presidente della BMW Italia.
Significativo è stato l’incontro con il Presidente della BMW Italia, il quale ha spiegato i motivi per cui la BMW ha scelto di sospendere le commesse produttive, dicendo senza giri di parole che le problematiche nei rapporti industriali fra le due società sono legate alla mancanza di un piano industriale credibile che il management Maflow avrebbe dovuto presentare successivamente alla dichiarazione d’insolvenza da parte del tribunale.
L’ unica possibilità che la BMW possa ripristinare i rapporti commerciali con la Maflow è la presentazione (nel minor tempo possibile) di un programma realistico di vendita del gruppo, in modo che l’ipotetico nuovo investitore possa rassicurare la BMW sul proseguimento delle attività produttive.
Al fine di capire le tempistiche della vendita del gruppo, e per sollecitare che la stessa avvenga il più rapidamente possibile si chiede un incontro da tenersi in azienda, alla presenza dei funzionari sindacali territoriali.

In attesa di conoscere la data dell’incontro la rsu porge distinti saluti.

Trezzano Sul Naviglio 30 novembre 2009

domenica 29 novembre 2009

assemblea

ASSEMBLEA APERTA
Lunedì 30 Novembre ore 10,00
Presso Manflow - Trezzano S/n - Via Boccaccio, 1
Invitate fabbriche, RSU, delegati, forze politiche ed istituzionali del territorio

venerdì 27 novembre 2009

BMW Italia


Ottima la partecipazione alla manifestazione davanti la BMW Italia, terza iniziativa in una settimana.
Il corteo è partito dalla fermata della metropolitana Rogoredo fino al palazzo della BMW,
arrivati a destinazione una delegazione di Lavoratori ha incontrato il presidente della BMW Italia, il quale li ha informati dei motivi per cui la BMW Tedesca nella persona del responsabile dell'ufficio crisi ha deciso di sospendere le commesse produttive:
La BMW avendo una gestione dei componenti "just in time" non può pemettersi di avere problemi con i fornitori per evitare rischi di un fermo linea, all'inizio della crisi ha sostenuto la Maflow assumendo anche economicamente i rapporti con i fornitori essendo la società insolvente.

Nello stesso tempo ha chiesto al Managemet Maflow di costruire un piano industriale credibile per dare garanzie sulla continuazione dell'attività industriale.

Nel mese di settembre dopo tre mesi dall'insolvenza, la BMW ha fatto la scelta di ricercare un nuovo fornitore.

Ad oggi la Maflow potrà rientrare nel giro della BMW soltanto se nel prossimo incontro il management garantirà con della documentazione credible quanto richiesto.

Per la sopravvivenza dello stabilimento di Trezzano è fondamentale che il management costruisca quanto richiesto dalla BMW.
Le Lavoratrici e i Lavoratori sin da oggi inizieranno a fare pressione sui commissari affinchè questi preparino la vendita del gruppo nel minor tempo possibile.

video video

giovedì 26 novembre 2009

Iniziative


Continuano le iniziative delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Maflow.

La prossima iniziativa ci sarà Venerdì 27 novembre (Domani) davanti la BMW Italia, per chiedere alla nota casa automobilistica di ripristinare le commesse produttive.
Concentramento alle 10.30 alla fermata della metropolitana ROGOREDO, da questo punto partirà un corteo fino al palazzo della BMW Italia.

Partenza:
· h.8.30/ 9.00 da i cancelli della Maflow
· 09.30 dalla metropolitana Bisceglie
· 10.30 ritrovo alla fermata ROGOREDO

Il corteo di domani ha un valore doppio, oltre che coinvolgere la BMW su i nostri problemi, rallenteremo il traffico sulla Via Emilia una strada molto trafficata.
Tutto questo dovrà portare la visibilità che stiamo cercando, per risolvere i nostri problemi di Lavoro.

LUNEDì ASSEMBLEA APERTA DALLE 10.00 ALLE 13.00.
INTERVERRANNO I POLITICI LOCALI, LE ISTITUZIONI, E LAVORATORI DI ALTRE REALTA’ IN CRISI.



Trezzano sul Naviglio 26 novembre 2009

martedì 24 novembre 2009

Tribunale


Continuano le iniziative delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Maflow, oggi si è presidiato il tribunale di Milano in occasione della prima udienza per l'accertamento dello stato passivo della società, purtroppo per problemi burocratici, sempre alle spalle dei Lavoratori, l'udienza è stata spostata al 20 gennaio 2010.

Venerdì 27 novembre nel pomeriggio, continueremo il nostro percorso di lotta con una manifestazione che parte dalla metropolitana rogoredo fino al palazzo della BMW, dove faremo un volantinaggio, e successivamente seguirà un incontro con i dirigenti della BMW Italia.

Per fare una manifestazione decente, abbiamo bisogno del massimo delle forze da parte dei Lavoratori.Il concentramento è alle 15 davanti la ditta e alle ore 16 a Rogoredo, San Donato Milanese. Fate girare, informate tutte le persone possibili.Info http://vogliamocontinuarealavorareallamaflow.blogspot.com/, chiedete l'amicizia su facebook di lavoratori maflow. Ciao a tutti, usate la lista maflow@googlegroups.com per le domande, e le adesioni.

domenica 22 novembre 2009

Manifestazione 20 novembre
















Ottima l'adesione alla manifestazione delle Lavoratrici e dei Lavoratori della Maflow del giorno 20 novembre 2009, davanti al consolato tedesco per chiedere al console di intervenire sulla BMW per ristabilire le commesse produttive che inspiegabilmente ha sospeso nell'utimo mese alla Maflow, costringendo così i Lavoratori a lunghi periodi di cassa integrazione.
Il console ha ricevuto una delegazione di Lavoratori della Maflow, impegnandosi personalmente per chiedere maggiori informazioni ai dirigenti della BMW, auspicando una soluzione positiva nel brevissimo periodo.
I dipendenti della Maflow hanno dimostrato il massimo dell'unità e coesione tra i vari enti,uffici: logistica, amministrazione, produzione mai verificato nella quarantennale storia dello stabilimento.
Dimostrando che il diritto al lavoro e al reddito è un elemento principale nella vita di tutte le persone; questa esperienza è stata la prima iniziativa di un percorso di lotta che continuerà martedì 24 davanti il tribunale di milano alle ore 10.00, in occasione della prima udienza per la determinazione dello stato passivo della società Maflow; l'impegno maggiore sarebbe unificare la nostra lotta con le lotte dei nostri compagni di sventura in altre realtà, come L'Alcoa, la Manuli, l'Eutelia, Tenaris e..... nello stesso tempo prepararsi per un lungo periodo di resistenza, continuando con la massima unità d'intenti. Salario, Diritti, Dignità

video

mercoledì 18 novembre 2009

Incontro con il console

IL CONSOLATO TEDESCO HA DATO APPUNTAMENTO AD UNA DELEGAZIONE DELLA MAFLOW VENERDI 20 ALLE ORE 14.00.
IL PRESIDIO INIZIERA' ALLE ORE 12.00 CON CONCENTRAMENTO ALL'ESTERNO DELLA FERMATA METROPOLITANA MOSCOVA (LINEA VERDE)

martedì 17 novembre 2009

Lettera al Console Tedesco


Spett.le
Consolato Generale di Milano
via Solferino, 40
20121 Milano

att.ne Sig. Console Generale
fax nr. 026554213

Oggetto: Richiesta d'incontro

Con la presente Vi chiediamo un incontro per rappresentarVi i problemi posti alla Maflow di Trezzano dalla sospensione degli ordinativi BMW, con le conseguenze negative per i lavoratori.

La Maflow di Trezzano fa parte del gruppo Maflow con stabilimenti in varie parti del mondo, Polonia, Messico, Francia, Cina ecc... che costruisce tubi per condizionamento per auto e che è Leader mondiale nel settore.

Attualmente la Maflow si trova in amministrazione controllata, a partire da maggio di quest'anno, che si dovrebbe concludere con la vendita del gruppo a metà gennaio a un nuovo acquirente, fatto per i commissari stanno predisponendo i termini per la gara.

Nel frattempo la produzione è proceduta in modo regolare, rimanendo la BMW il principale cliente soprattutto per quanto riguarda lo stabilimento di Trezzano dove venivano prodotti i tubi di condizionamento per la Serie 1, la Serie 3 e per la Z4.

Inspiegabilmente la BMW ha comunicato la sospensione delle attività di fornitura, senza nessun motivo né tecnologico né di qualità del prodotto, mettendo così a rischio il futuro occupazionale dei 350 dipendenti tra operai e tecnici del sito produttivo.

Il giorno venerdì 20 novembre i dipendenti della Maflow terranno una manifestazione a Milano per portare all'attenzione di tutti i loro problemi ed in questa occasione chiediamo di incontrarVi con una delegazione di rappresentanti dei lavoratori.

In attesa di una Vs. conferma Vi porgiamo i ns. distinti saluti.

Milano 16.11.09


Fiom Cgil Rsu Maflow FlmUniti Cub
Scipioni Marcello Montagnoli Walter

0270602409 fax 0270602409
mail wmontagnoli@cub.it

lunedì 16 novembre 2009

Iniziative


Venerdì 20 novembre le Lavoratrici e i Lavoratori della Maflow terranno un presidio in via solferino,

davanti l'ambasciata Tedesca per chiedere un intervento del console sulla società BMW al fine di ripristinare gli ordini produttivi che a causa della crisi finanziaria causata da azionisti balordi, e responsabili operativi senza vergogna, BMW ha tolto la fiducia alla società Maflow con conseguente aumento del numero delle ore di cassa integrazione.

Concentramento in via Moscova ore 10.00.

info 3495107754, rsumaflow@gmail.com

venerdì 13 novembre 2009

Iniziative


La Maflow è una società multinazionale in amministrazione straordinaria .
Il gruppo ha accumulato circa 250 milioni di debiti; 140 milioni in Italia, in gran parte grazie ad una spericolata operazione finanziaria per cui il costo dell'acquisizione dalla Manuli da parte del fondo di privaty equity ILP è stato caricato sull'azienda acquistata; sommata ad una gestione discutibile da parte della dirigenza, ha portato alla situazione di grave crisi finanziaria.
In questo periodo tre commissari nominati dal ministero delle attività produttive stanno decidendo sulla sorte di 330 Lavoratori di Trezzano sul Naviglio (MI); circa 100 dipendenti di Ascoli piceno, circa 2000 Polacchi, più altri 1000 dipendenti tra Messico, Brasile, Cina, Spagna, Francia e piccole realtà sparse in tutto il mondo.

Lo stabilimento di Trezzano sul Naviglio (MI) è stato dichiarato maggiormente a rischio, in quanto:
1. il costo del Lavoro in Italia è più alto rispetto alla Polonia;
2. gli stabilimenti milanesi sono stati venduti ad una società immobiliare del gruppo Unicredit, che genera ulteriori aumento dei costi per il pagamento dell’affitto;
3. nell’ultimo periodo la BMW, principale cliente del sito italiano ha sospeso la maggior parte degli ordini produttivi, obbligandoci in cassa integrazione per lunghi periodi.
I Lavoratori di Trezzano sul Naviglio rivendicano il mantenimento delle attività produttive, non accettano gli ammortizzatori sociali, come risposta a questa crisi di natura finanziaria.

Chiediamo che le istituzioni, le forze politiche si attivino concretamente per sostenere i nostri obiettivi.

Chiediamo al console Tedesco un intervento specifico per ristabilire gli ordini BMW, che da oltre dieci anni regolarmente serviamo con ottimi standard qualitativi, come il rinomato marchio Tedesco ha preteso in questi anni.

A sostegno delle nostre rivendicazioni, e al fine di un coinvolgimento delle forze politiche e mediatiche, le Lavoratrici e i Lavoratori della Maflow parteciperanno:

1. Il 20 Novembre 2009 presidieranno il consolato Tedesco in via Solferino, con successivo incontro con il console Tedesco, per chiedere un intervento sulla BMW che con il suo atteggiamento mette a rischio il lavoro e il reddito di circa trecentotrenta lavoratori.
Concentramento in via Moscova alle H.10.00
2. Il 24 novembre presidieranno il tribunale in occasione della prima udienza per la determinazione dello stato passivo della Maflow.
3. Si organizzerà nel breve periodo un assemblea aperta alle istituzione, ai politici, al sindaco di Trezzano, ad altri lavoratori in crisi per sostenere la nostra lotta sociale.

Trezzano Sul Naviglio 13 Novembre 2009 BOZZA

mercoledì 11 novembre 2009

No ad accordi che prevedono licenziamenti alla Manuli

I Lavoratori della Maflow di Trezzano (MI) sono contro la proposta di chiusura sponsorizzta dalla triplice, e sostengono le Lavoratrici e i Lavoratori che difendono il posto di lavoro con la lotta, all'interno del presidio Manuli.
Soltanto una azione forte di contrasto può fermare l'avidità del capitalismo, nella specie della fam.Manuli, che già nel 2004 ha incassato oltre 140 milioni, di questi 90 milioni di euro di plusvalenze dalla vendita del ramo d'azienda Manuli Automotive, oggi Maflow, che grazie a quel operazione caricata totalmente sulle spalle dei Lavoratori, gli stessi oggi stanno subendo una procedura concorsuale, che potrebbe mettere fine alla trentennale storia del sito industriale milanese, spogliando le Lavoratrici e i Lavoratori del proprio reddito. Abbiamo messo il link del vostro sito sul nostro blog.http://vogliamocontinuarealavorareallamaflow.blogspot.com/
Asta la victoria siempre.

lunedì 9 novembre 2009

O.D.G. approvato in assemblea 09 novembre 2009

video L’assemblea dei Lavoratori Maflow e Man servizi entrambe in amministrazione straordinaria, del giorno 09 novembre 2009, valutato il pessimo scenario economico e produttivo derivante da:
una mole di debiti contratti dalla società negli anni che dal 2004 con l’acquisizione del ramo d’azienda Manuli Automotive ad un prezzo di € 140milioni a fronte di una valutazione nei bilanci manuli rubber di €16milioni, più altre operazioni tutti a debito, come l’acquisto della multinazionale Codan del valore di quasi €10milioni con finanziamenti a lungo termine, fino alla vendita dei capannoni di Trezzano sul Naviglio nel 2007, ed altre operazioni finanziarie descritte nella relazione dei commissari fino ai primi mesi del 2008, tutte acquisizioni apparentemente scellerate, (ci riserveremo in futuro di fare un esposto alla magistratura per verificare la legittimità di queste operazioni), tutte operazioni che hanno caricato di debiti i bilanci della società Maflow.
La situazione produttiva, con il lento abbandono del principale cliente BMW, resta molto critica, per il proseguimento delle attività produttive nel prossimo futuro.

L’assemblea ritiene necessario autoconvocare un assemblea permanente, per valutare le novità che l’amministrazione straordinaria mette in atto per sanare questa situazione, e promuovere azioni di contrasto qualora si prevedano delle condizioni di svantaggio verso i dipendenti, nonché allacciare rapporti con altri Lavoratori in crisi per obbligare la scelte degli enti istituzionali, comune, provincia, regione, governo ed altri a salvaguardare tutti i posti di lavoro.
Il lavoro è un diritto ed un dovere di tutti i cittadini, garantito dalla costituzione all’art.1. L’italia è una repubblica fondata sul lavoro.
Il Lavoro, ed il reddito derivante dal lavoro consentono i dipendenti di essere emancipati socialmente ed avere una vita libera e dignitosa.
L’assemblea ritiene gli azionisti del fondo ilp i responsabili di questa situazione, e l’ing. Francione è stato il braccio che ha messo in atto questo atto criminoso verso i dipendenti e i creditori, pertanto riteniamo l’ing. Francione persona non gradita, e chiediamo il suo allontanamento immediato, altrimenti i lavoratori metteranno in campo azioni per evitare il suo ingresso in azienda.
L’assemblea permanente si riunirà nel presidio permanente davanti i cancelli della maflow.

Trezzano sul naviglio 09 novembre 2009
Approvato con:
voti favorevoli 280
voti contrari 11
astenuti 1
Noi usiamo TeamLab Online Office